bruno trentin

In ricordo di bruno Trentin

Un importante incontro-ricordo di Bruno Trentin si è svolto nella giornata di martedi 3 febbraio 2011 a Bruxelles. La Fondazione Giuseppe Di Vittorio  e il Gruppo dell’Alleanza progressista dei Socialisti-Democratici al Parlamento Europeo, Delegazione PD, hanno organizzato, presso il Parlamento Europeo, un’iniziativa per ripercorrere l’attività europea di Bruno Trentin.  Il presidente della Repubblica Giorgio Napolitano ha inviato al convegno questo messaggio:

‘Il ricordo degli anni in cui io e Bruno Trentin abbiamo insieme partecipato ai lavori del Parlamento Europeo rimane in me molto vivo e forte. Sono stati anni di profonda intesa nell’approccio ai problemi e alle prospettive del processo di integrazione europea. Sono stati anni di splendida collaborazione e amicizia. Nell’attivita’ del Parlamento Europeo, e più in generale nell’impegno europeista, Bruno Trentin aveva trasfuso tutta la ricchezza della sua formazione ideale e della sua esperienza sindacale e politica: affrontando nei loro nuovi termini le questioni essenziali del lavoro e dei diritti del lavoro, e collegandovi la visione piu’ ampia delle politiche economiche e sociali da portare avanti, ormai non piu’ solo al livello nazionale ma al livello europeo. E fece tutto questo con lo scrupolo e il rigore che l’avevano sempre caratterizzato e anche con sobrieta’ e modestia. In questo senso, egli ha davvero lasciato un esempio che credo possa parlare in modo particolare alle giovani generazioni”.

Sono intervenuti durante l’iniziativa: Martin Schulz – presidente del Gruppo S&D; Stephen Hughes – vice presidente del Gruppo; Gianni Pitella – vice-presidente P.E.; Pervanche Beres – deputato P.E.; Sergio Cofferati – deputato P.E.; Robert Goebbels – deputato P.E.; David Sassoli – deputato P.E.; Susanna Camusso – segretario generale CGIL; Guglielmo Epifani – presidente Istituto B. Trentin; Iginio Ariemma – Fondazione Di Vittorio. Più tardi  presso La Fonderie (Salle des Dessinateurs), è stato proiettato, per iniziativa dell’Inca CGIL–Belgio e della Fondazione Giuseppe Di Vittorio, il film di Franco Giraldi, “Con la furia di un ragazzo. Un ritratto di Bruno Trentin”

 

UN BILANCIO E UN PROSSIMO ARCHIVIO ON LINE

La Fondazione Di Vittorio, d’intesa con la segreteria della Cgil e con i familiari di Bruno Trentin, ha da tempo costituito nel proprio ambito un gruppo di lavoro per studiare, analizzare e per fare meglio conoscere la figura, il pensiero e l’opera di una delle maggiori personalità del sindacalismo confederale e della sinistra italiana ed europea che, a partire sin dalla più giovane età già animato dal suo coerente impegno antifascista, ha dedicato la propria esistenza alla causa della libertà  e dei diritti dei lavoratori. Il gruppo di lavoro, riunitosi per la prima volta a Roma il 9 ottobre 2007, ha coordinato e promosso numerose iniziative sulle elaborazioni e sugli studi che Bruno Trentin ci ha lasciato. Numerose tra queste sono state organizzate direttamente dalla Fondazione Giuseppe Di Vittorio con convegni, incontri, libri, e la produzione di un film; altre sono state organizzate dalla Fondazione Di Vittorio d’intesa con importanti realtà sindacali, politiche e culturali così come abbiamo supportato tante iniziative svoltesi in Italia e all’estero promosse autonomamente da altre strutture che hanno ritenuto di invitarci e di coinvolgerci nel loro lavoro e nei loro dibattiti.

Di seguito sono riportate le iniziative che abbiamo organizzato, gli incontri, i dibattiti, le proiezioni del film insieme con quanto è ancora in preparazione. Sono riportati i titoli dei i libri da noi pubblicati e di quelli in via di pubblicazione.
Va segnalato, per la particolare importanza che va assumendo, l’incontro che si terrà a Bruxelles nei primi giorni del prossimo febbraio organizzato dalla Fondazione e dal Gruppo Parlamentare del Partito Socialista Europeo con la partecipazione di diverse personalità e della segretaria generale della Cgil Susanna Camusso, dal presidente dell’Istituto Bruno Trentin, Guglielmo Epifani, mentre è annunciato un messaggio del Presidente della Repubblica On. Giorgio Napolitano.

Inoltre è quasi completata la conservazione, schedatura e inventariazione dei documenti di Bruno Trentin: relazioni, articoli, appunti personali, quaderni, diari, ecc. Tali materiali sono conservati presso la Fondazione Di Vittorio, l’Archivio centrale della Cgil nazionale e l’Archivio della Fiom-Cgil; tra qualche mese i tre fondi saranno collegati on line per favorire il lavoro dei ricercatori e degli storici.

Nei prossimi mesi sarà disponibile anche la bibliografia di tutti gli scritti di Bruno Trentin curata da Sante Cruciani.
La riunione del gruppo di lavoro tenutasi il 16 dicembre 2010 presso la sede della Fondazione Di Vittorio ha ritenuto utile stilare un rendiconto delle attività che hanno caratterizzato questa impegnativa fase al fine di renderlo pubblico e di fissare al tempo stesso con maggior puntualità le scadenze e gli impegni in corso di realizzazione tese a completare il lavoro avviato tre anni or sono.

La Fondazione Di Vittorio, unitamente ai familiari di Bruno Trentin, intende cogliere altresì l’occasione per ringraziare vivamente tutti coloro che hanno collaborato nella ideazione e nella promozione delle numerose e qualificate iniziative che sono state poste in campo e si augurano che le risultanze delle stesse, insieme con i materiali raccolti, possano rappresentare occasioni di ulteriori approfondimenti e di nuovi studi sui diversi aspetti che hanno caratterizzato l’operato e il pensiero di Bruno Trentin.

Segnaliamo infine che la Fondazione Di Vittorio ha promosso e curato un film-documentario “Con la furia di un ragazzo. Ritratto di Bruno Trentin” curato da Franco Giraldi e prodotto insieme con l’Archivio Audiovisivo del Movimento Operaio e Democratico e con Vivofilm. La diffusione  di oltre 15.000 copie del film è stata realizzata, oltre che con l’impegno diretto della Fondazione Di Vittorio, anche attraverso un’intesa con L’Unità che lo ha portato nelle edicole di tutto il paese.

LE PRINCIPALI INIZIATIVE

Treviso – 11 dicembre 2007 –  Convegno promosso dalla Camera del Lavoro, Auser, Università Popolare di Traviso e Fondazione Di Vittorio su “In ricordo di Bruno Trentin. Gli anni trevigiani.”  Partecipano: Domenico Lucani, Luisa Bellina, Ernesto Brunetta, Giannino Padovan, Paolino Barbiero, Franca Trentin, Giorgio Trentin, Umberto Bernardi, Franca Busetto, Ernesto Doimo, Luigi Agostini, Andrea Dapporto, Renato Donazzon, Antonio Giandon, Iginio Ariemma (FDV).
(Gli atti del convegno, con allegati documenti e testimonianze, sono pubblicati a cura di Ediesse, FDV e CdL di Treviso e rieditati dall’Unità che li pone in edicola il 23 agosto 2008 a un anno dalla morte).

Roma – 30 Maggio 2008 – Conferenza nazionale d’Organizzazione della Cgil – “In ricordo di Bruno Trentin”. Introduce Carlo Ghezzi (FDV), filmato predisposto da Franco Giraldi,  lettura di interventi e di lettere di Bruno Trentin da parte di Massimo Wertmuller, intervento di Guglielmo Epifani. La Cgil decide che ’Istituto di Ricerche e di Formazione della Cgil (Ires + Issf) varato Conferenza di Organizzazione è intitolato a Bruno Trentin

Roma – 16 settembre 2008 – Presentazione del libro di Bruno Trentin “Diario di Guerra” edito da Donzelli Editore alla presenza del Presidente della repubblica  Giorgio Napolitano e del Presidente del Senato Sen. Renato Schifani. Partecipano:  Pietro Melograni, Claudio Pavone, Stefano Rodotà, Guglielmo Epifani, Claudio Donzelli.

Padova –16 ottobre 2008 – Convegno della Fondazione Di Vittorio, Camera del Lavoro di Padova e l’Università di Padova sulla tesi di laurea conseguita da Bruno Trentin “La cultura del lavoro e della libertà”. Partecipano: Fulvio Del Zio, Vincenzo Milanesi, Flavio Zanonato, Franco Busetto, Giorgio Castagna, Carlo Ghezzi (FDV), Silvio Lanaro, Giuseppe Zaccaria, Franco Bentivogli, Guglielmo Epifani. Istituzione di una borsa di studio Bruno Trentin.

Amici:



ristrutturare casa

 

Ristrutturazione 3×2 preventivo per ristrutturare casa – riscaldamento a pavimento migliore sfruttamento della stanza e tutte le altre ristrutturazione edilizia


 


Archivio

Dibattito a Parigi alla festa del libro
Antologia di scritti edita in Spagna

Attorno al nome di Bruno Trentin, scomparso nell’agosto del 2007, stanno fiorendo una serie di iniziative, tra le quali la costruzione di questo sito.

 

La Fondazione Giuseppe Di Vittorio, su mandato della CGIL, ha formato un gruppo di lavoro incaricato di raccogliere, coordinare e sostenere le iniziative, in Italia e all’estero, promosse per studiare e ricordare la figura e la sua opera, il suo contributo all’innovazione nel sindacato e nella sinistra.
Sono componenti di questo gruppo di lavoro e di studio Marcelle Padovani, Iginio Ariemma, Carlo Ghezzi, Michele Magno, Paolo Nerozzi, Achille Passoni, Andrea Ranieri, Paola Scarnati e Bruno Ugolini. Coordinatore è stato nominato Iginio Ariemma.
Coloro che sono in possesso di documenti, scritti, ricordi, materiali audiovisivi o altro che intendono segnalarci o farci pervenire tale materiale, sono pregati di mettersi in contatto con la Fondazione Di Vittorio, Via Donizetti, 7/b – 00198 Roma oppure di scrivere via Email a questo sito (cliccare sopra su CONTATTI). Tra i numerosi articoli già inseriti (sezione “Hanno scritto di lui”) segnaliamo quello della studiosa Christina Ujma apparso sulla rivista tedesca “Sozialismus”.
Tra le prime iniziative citiamo un dibattito a Parigi su “Bruno Trentin visto dai francesi” nel corso della “Prima Festa del libro e dell’Italia che legge”  (vedi all’interno l’introduzione di Carlo Ghezzi). Mentre si segnala in Spagna l’uscita di un’antologia comprendente numerosi scritti di Trentin.A Parma Trentin per l’unità sindacale con gli ex della FLMA Parma (dove la Camera del Lavoro ha dedicato il salone delle proprie riunioni a Trentin) ha avuto luogo il 14 febbraio un seminario organizzato dalla Camera del Lavoro sul tema: “Bruno Trentin e l’unità sindacale”. Un tema al quale si è preposta gran parte della vita dello scomparso segretario della Cgil. Anche per questo hanno portato le loro testimonianze tre ex dirigenti dei metalmeccanici parmensi: Paride Faccini (gia’ segretario della Fiom e della Flm), Eugenio Cattani (gia’ dirigente della Fim e della Flm), Ugo Fini (gia’ dirigente della Uilm e della Flm).  Tre personaggi che hanno conosciuto Bruno e la sua instancabile ossessione per l’unità.Ha introdotto il convegno Iginio Ariemma (coordinatore del gruppo di lavoro dedicato a Trentin), mentre ha concluso il presidente della Fondazione Di Vittorio Carlo Ghezzi. Tra gli interventi quelli di Vincenzo Bernazzoli (presidente della Provincia) e di Pietro Vignali (sindaco). Un’ attrice, Franca Tragni, ha letto alcuni brani tratti dalle opere di Trentin.   QUI RELAZIONE DI ARIEMMA E CONCLUSIONI DI GHEZZI
Altre importanti occasioni d’incontro si sono svolte a Pistoia e Reggio Calabria nonchè a Imola e Treviso. Di quest’ultima iniziativa, dedicata agli anni trevigiani di Trentin (come studente e come partigiano)  pubblichiamo all’interno l’intervento conclusivo di Iginio Ariemma nonchè gli interventi di Luisa Bellina e Franco Bentivogli.

Il lavoro come identità
Un incontro dalle caratteristiche assai interessanti è quello che ha avuto luogo a Imola il 25 gennaio. Qui sono intervenuti, infatti, con Andrea Ranieri (senatore per il Pd) e Sergio Cofferati,  Carlo Callieri, già vicepresidente della Confindustria. Ha concluso Franco Marini presidente del Senato. Callieri nel 1997 fu autore  assieme a Trentin, di un prezioso volumetto, curato da Angelo Varni. Il titolo era “Il lavoro possibile”, un dialogo sui mutamenti, appunto, del lavoro. Una iniziativa che vedeva a confronto due esponenti di mondi diversi, quello imprenditoriale e quello sindacale, capaci però di interloquire.  Era qui che Trentin parlava di “Un’idea del lavoro non come punizione o come parentesi, ma come uno dei momenti importanti di realizzazione di sé; un grande tema di libertà, cioè di capacità di esprimersi non soltanto nella discoteca ma anche in quello che è ritenuto il momento più ingrato della vita e che invece è quello che segna spesso, per una enorme e tragica contraddizione, l’identità delle persone”. Sono concetti che hanno attraversato la vasta produzione scritta e parlata del dirigente sindacale. Leggi di piu..


Gli anni di Treviso

Studente e partigiano
Assai ricco di spunti il convegno svoltosi l’11 dicembre del 2007 a Treviso, presso l’università popolare.  Sono i territori nei quali operò Trentin come partigiano e come studente. Luisa Bellina, si è soffermata, appunto, su  “Bruno Trentin: gli anni della formazione. Dalla Resistenza alla Treviso del dopoguerra.” Una relazione appassionata che racconta il giovane Trentin da studente a partigiano.
Erano presenti anche Franca, l’amata sorella, e Giorgio il fratello carissimo. Testimonianze ricche di emozioni sono state portate da dirigenti della Fiom del passato come Andrea Dapporto Renato Donazzon Giannino Padovan, Antonio Giandon, da Ernesto Doimo della Fim Cisl, da Paolino Barbiero  della Camera del Lavoro. E poi da Umberto Bernardi e Franca Busetto. E’ stata altresì letta una lettera molto bella di Franco Bentivogli, un prestigioso dirigente della Fim-Cisl. Ha concluso Iginio Ariemma, coordinatore del gruppo sorto proprio per curare la memoria di Trentin. E’ anche in discussione un possibile convegno all’Università di Padova attorno alla tesi di laurea del giovane Trentin.


 

Scarpe online

Scarpe firmate online

 

Scopri le nuove collezioni di Nero Giardini scarpe, altre nuove scarpe Cesare Paciotti, Fornarina scarpe . E molti altri modelli.